Ci abbracceremo amanti, spezzati dal deserto

Sono ormai lontani i sogni di Bologna
distratti dal dolore dei quartieri
ridotto alle mie passeggiate sul corso del fiume
a discorrere della vita con me stesso
mentre tutto scorre, io respiro a stento
e dove si abbracciano i giovani
io li biasimo

Fuggo l’autobiografia, un’esegesi di me stesso
un encomio al mio sentire
sono colui che con il corpo inciampa nella morte
per ritrovare tutte
le chiese che ha fuggito

Noi poveri codardi ed assassini
nascosti dal talento, ci rifugiamo
stanchi
sopra i sagrati
sperando che ci salvino i testi sacri
dalla vuotezza,
e Dio l’analfabeta, chiamato il cieco
non ha lasciato nulla per noi che siamo atei

Il fiume, allora, imparerà il mio nome
ed io il suo
ci abbracceremo amanti, spezzati dal deserto

Annunci

2 pensieri su “Ci abbracceremo amanti, spezzati dal deserto

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...